Attualità

SBF Taccuino: L’uomo preistorico viene da Haifa?

La prof.ssa Mina Evron, ricercatrice del Dipartimento di Archeologia all’Università di Haifa e condirettore degli scavi alla grotta di Misliya, a sud-ovest del Monte Carmelo, e la squadra di ricercatori impegnati negli scavi stanno cercando nei pressi della grotta uno scheletro che potrebbe appartenere all’uomo primitivo.

Nella grotta sono stati rinvenuti numerosi utensili, attrezzi in pietra portatili e lame, ossi di animali. Secondo Evron oggi si conoscono i comportamenti dell’uomo vissuto in quel periodo, manca solo lo scheletro.

I manufatti ritrovati nella zona della caverna mostrano i modelli di comportamento degli uomini che vissero 250.000 anni fa, al tempo della cultura musteriana dei Neanderthal in Europa.

Il progetto è finanziato dalla Dan David Foundation.

Finora gli studi hanno mostrato gli utensili di un uomo moderno di un periodo molto successivo, 170.000 anni fa circa, in Etiopia. I nuovi ritrovamenti sono di grande importanza, perché connettono il più antico uomo moderno con l’uomo delle montagne del Carmelo.

Circa due milioni di anni fa, con lo spostamento dell’Homo erectus in Europa, si viluppò una nuova specie, l’uomo di Neanderthal. Il Prof. Israel Hershkovitz, del Dipartmento di Anatomia e Antropologia alla Tel Aviv University e uno dei condirettori degli scavi, afferma che i Neanderthal erano più robusti dell’uomo moderno, con un cranio più ampio ed arti più forti. Un’altra specie che si sviluppò dall’Homo erectus dell’Africa fu l’Homo sapiens, la nostra specie. Le dimensioni del suo cranio e del resto del corpo erano ridotte rispetto a quelle dell’uomo di Neanderthal.

Nel 2001 due squadre di studenti di dottorato, una in antropologia della Tel Aviv University e una in archeologia dell’Università di Haifa, cominciarono a scavare alle grotte del Carmelo. Lo scavo rivelò che anche tra gli strati di 250.000 anni fa, c’erano degli strumenti moderni per tagliare e cacciare, come le lame in selce. L’archeologo Yossi Zaidner ha spiegato che le lame furono prodotte con una tecnica moderna, che comprendeva anche l’ideazione e il modello delle lame.

Zaidner ha dichiarato che sono stati rinvenuti 3000 elementi per metro quadrato che mostrano tutte le innovazioni tecnologiche dellepoca, cioè di 250.000 anni fa. Ciò significa che nel luogo vi era un vasto insediamento, un centro raggiunto dalla gente dell’intera regione.

Nella grotta vi erano anche ossi di animali che i ricercatori pensano siano i rifiuti lasciati dai residenti.

Reuven Yeshurun, uno degli archeologi coinvolti nello scavo, ha sottolineato come tutte le tracce indichino che la caccia era ampiamente praticata, con l’utilizzo di tecniche moderne rimaste in uso fino a 10.000 anni fa, inoltre, segni di coltelli e bruciature sugli ossi, ma non impronte di denti, suggeriscono la presenza umana nel luogo. Tutto fa pensare a schemi di caccia come quelli della società preistorica tardiva e della società di oggi.

Il Prof. Hershkovitz ha aggiunto che il primo Homo sapiens che si sviluppò in Africa era più robusto dell’uomo moderno ed è possibile che l’evoluzione finale dell’homo sapiens sia avvenuta proprio in Israele, fuori dell’Africa. Se un Homo sapiens moderno è stato trovato in strati risalenti a 250.000 anni fa, allora appartiene ad una delle prime popolazioni di Homo sapiens del mondo, forse la più antica. Stando così le cose tutte le teorie sullo sviluppo dell’uomo moderno dovranno essere rivisitate.


Fonte: Fadi Eyadat, Haaretz.com (24 maggio 2010)

Adattamento: R.P.

Share

Segreteria

La segreteria dell'SBF è aperta con il seguente orario:

Martedì: ore 10:25-12:25
Mercoledì: ore 10:25-12:25

N.B. L’ufficio della Segreteria rimane chiuso dal 1 luglio al 20 settembre.

E-mail: secretary@studiumbiblicum.org

Info utili

Studium Biblicum Franciscanum

Flagellation Monastery (Via Dolorosa)
POB 19424
9119301 Jerusalem
Israel
Tel. +972-2-6270485 / 6270444;
Fax. +972-2-6264519


Istituzioni simili

  • Marzo
    • L
    • M
    • M
    • G
    • V
    • S
    • D
    • 1
    • 2
    • 3
    • 4
    • 5
    • 6
    • 7
    • 8
    • 9
    • 10
    • 11
    • 12
    • 13
    • 14
    • 15
    • 16
    • 17
    • 18
    • 19
    • 20
    • 21
    • 22
    • 23
    • 24
    • 25
    • 26
    • 27
    • 28
    • 29
    • 30
    • 31